Posts Tagged ‘italia’

2005-2011: gli assalti alla rete

Sunday, July 17th, 2011

La lunga, triste storia di tutti gli assalti alla rete dal 2005 ad oggi. Il video, che dura un’ora e mezza, ha un menu sulla sinistra attraverso il quale è possibile saltare ai singoli argomenti, in modo da facilitarne la fruizione anche in un secondo momento.

censura internet, il governo ci riprova

Monday, March 21st, 2011

firma la petizione contro la censura in rete

Avaaz.org – The World in Action

Cari amici,

Già questa settimana L’AUTORITÀ PER LE COMUNICAZIONI potrebbe votare un provvedimento che metterebbe il bavaglio alla rete, arrivando perfino a CHIUDERE SITI INTERNET STRANIERI in modo arbitrario e senza controllo giudiziario. INONDIAMO I MEMBRI DELL’AUTORITÀ DI MESSAGGI PER DIFENDERE LA NOSTRA LIBERTÀ D’INFORMAZIONE SU INTERNET!

Il nostro governo ha lanciato un nuovo attacco alla libertà di accesso
all’informazione, e già questa settimana UN ORGANO AMMINISTRATIVO SCONOSCIUTO AI PIÙ POTREBBE RICEVERE POTERI ENORMI PER CENSURARE INTERNET.

L’Autorità per le comunicazioni, un organo di nomina politica, sta per
votare un meccanismo che potrebbe perfino portare alla CHIUSURA DI
QUALUNQUE SITO INTERNET STRANIERO – da Wikileaks a Youtube ad Avaaz! – in modo arbitrario e senza alcun controllo giudiziario. Gli esperti hanno già denunciato l’incostituzionalità della regolamentazione, ma soltanto una valanga di proteste dell’opinione pubblica può fermare questo nuovo assalto alle nostre libertà democratiche.

Non c’è tempo da perdere, il voto potrebbe essere già questa settimana.
Sappiamo che NELL’AUTORITÀ CI SONO MEMBRI CONTRARI, e se ci uniremo con forza a loro nell’opporci a questo provvedimento potremmo fare la differenza. INONDIAMO I MEMBRI DELL’AUTORITÀ DI MESSAGGI PER CHIEDERE DI RESPINGERE la regolamentazione e preservare così il nostro diritto ad accedere all’informazione su internet. Agisci ora e inoltra l’appello a tutti!

http://www.avaaz.org/it/it_internet_bavaglio/?vl [1]

Negli anni BERLUSCONI HA CERCATO PIÙ VOLTE DI CONTROLLARE
L’INFORMAZIONE SU INTERNET, ma finora i suoi tentativi sono sempre falliti. Ora, lontano dai riflettori, il governo ha la possibilità concreta di espandere i suoi tentacoli sulla rete, a meno che i cittadini non alzeranno la voce per fermarlo.

La nuova regolamentazione permetterebbe all’Autorità per le Comunicazioni di rimuovere contenuti sospetti di violazione del copyright da siti internet italiani senza alcun controllo giudiziario. Ancora peggio, la pubblicazione di una canzone o di un testo sospetto potrebbero perfino portare alla CHIUSURA DI INTERI SITI INTERNET STRANIERI, inclusi siti d’informazione, portali di software libero, piattaforme video come YouTube o d’interesse pubblico come WikiLeaks.

Se approvata, la nuova regolamentazione garantirebbe di fatto poteri
legislativi e giudiziari a un organo amministrativo le cui funzioni dovrebbero essere esclusivamente consultive e di controllo, aprendo così la strada a un PROCESSO DECISIONALE ARBITRARIO E INCONTROLLATO.

Ma insieme possiamo costruire un enorme grido pubblico e convincere i membri chiave dell’Autorità che sono ancora indecisi a opporsi alla
regolamentazione e rimandare così la questione all’unico organo che ha i poteri costituzionali per legiferare sulla materia: il Parlamento. Manda un messaggio ora e inoltra l’appello il più possibile:

http://www.avaaz.org/it/it_internet_bavaglio/?vl [2]

I governi sono sempre più impauriti da internet, che è diventato uno
strumento per aprire il dibattito pubblico e per la mobilitazione dei
cittadini, e stanno cercando così di imporre regole più strette di censura. Ma i cittadini stanno rispondendo, come in Gran Bretagna, dove l’opposizione dell’opinione pubblica ha costretto il governo a ritirare la legislazione sul copyright che voleva mettere un bavaglio alla rete. In Italia lo scorso anno siamo riusciti a fermare la “legge bavaglio” liberticida. Vinciamo di nuovo!

Con determinazione,

Giulia, Luis, Ben, Ricken, Pascal, Benjamin e tutto il resto del team di
Avaaz

FONTI

Campagna di Agorà Digitale, Altroconsumo e altre associazioni contro la delibera AGCOM sulla rimozione automatica dei contenuti su internet:
http://sitononraggiungibile.e-policy.it/ [3]

Dal copyright alla censura web. Tutti contro la delibera Agcom:
http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/01/30/news/sequestro_siti_esteri_italia-11841940/
[4]

Interpellanza bipartisan: sia il parlamento e non l’Agcom a rinnovare la
normativa sul copyright:
http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=5415 [5]

D’Angelo (Agcom): “La libertà non è un procedimento amministrativo”:
http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2010/12/15/dangelo-agcom-il-decreto-romani-un-errore-aver-paura-della-liberta/
[6]

Delibera n. 668/10/CONS dell’Agcom, Lineamenti di provvedimento
concernente l’esercizio delle competenze dell’Autorità nell’attività di
tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica:
http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=5415 [7]

Il governo britannico pronto a rivedere i suoi piani per bloccare i siti
che violano il copyright (in inglese):
http://www.computerweekly.com/Articles/2011/02/02/245187/Government-to-review-plans-to-block-copyright-infringing.htm
[8]

SOSTIENI IL NOSTRO LAVORO! Avaaz.org è un’organizzazione no-profit indipendente che non riceve finanziamenti da governi o grandi imprese, quindi la tua donazione è di fondamentale importanza per il nostro lavoro.
— clicca qui per fare una donazione [9].

CHI SIAMO
Avaaz.org è un’organizzazione no-profit e indipendente con 7 milioni di
membri di tutto il mondo, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa “voce” in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team
internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York,
Parigi, Washington e Ginevra. +1 888 922 8229

Clicca QUI [10] per avere maggiori informazioni sulle nostre campagne.

Per metterti in contatto con Avaaz scrivi a info@avaaz.org oppure invia una lettera al nostro ufficio di New York: 857 Broadway, 3rd floor, New York, NY 10003 U.S.A. Se incontri difficoltà tecniche vai al sito http://www.avaaz.org/it.

Links:
——
[1] http://www.avaaz.org/it/it_internet_bavaglio/?cl=988413609|+|amp|+|v=8677
[2] http://www.avaaz.org/it/it_internet_bavaglio/?cl=988413609|+|amp|+|v=8677
[3] http://sitononraggiungibile.e-policy.it/
[4] http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/01/30/news/sequestro_siti_esteri_italia-11841940/
[5] http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=5415
[6] http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2010/12/15/dangelo-agcom-il-decreto-romani-un-errore-aver-paura-della-liberta/
[7] http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=5415
[8] http://www.computerweekly.com/Articles/2011/02/02/245187/Government-to-review-plans-to-block-copyright-infringing.htm
[9] https://secure.avaaz.org/it/donate.php
[10] http://www.avaaz.org/it/highlights?footer
[11] http://www.facebook.com/Avaaz
[12] http://www.myspace.com/avaazorg
[13] http://www.bebo.com/Profile.jsp?MemberId=6305316853
[14] http://www.avaaz.org/it/save_our_oceans
[15] https://secure.avaaz.org/act/?r=unsubstr_replacement[28]##|+|amp|+|b=1192|+|amp|+|v=8677|+|amp|+|lang=it

Firenze. La cittá e i rifiuti

Thursday, February 3rd, 2011

Firenze, quartiere Rifredi, via Santo Stefano in Pane. Ponte sul torrente Terzolle.

Molto furbamente qualcuno ai piani alti della piramide gerarchica ha pensato di mettere i cassonetti proprio sul ponte. Bravi, bell’idea. Peccato che quando tira vento i portelli dei cassonetti si aprono lasciando uscire tonnellate di schifezze varie, plastica, cartacce e chi piú ne ha piú ne metta. Oltrettutto questa é una zona molto ventosa.

Questo é il risultato:

Torrente Terzolle prima del ponte

Torrente Terzolle dopo il ponte (notare le schifezze sul greto del fiume)

Voglio fare un appello all’amministrazione comunale:
grazie per farci vivere nella merda da anni.

Solo i borghesi abitanti del centro storico e i turisti americani che portano i dollar$$ hanno il diritto di vivere nella “Firenze degli Angeli del Bello” senza le cartacce e le merde dei cani.
Il Bello ‘sto cazzo.
Siete solo degli ipocriti.
Venite a pulire anche nei quartieri poveri.

just another service provided by Your Friendly Neighborhood THX1138

Firenze pulita? gallery (clicca sulle anteprime per vedere le immagini a dimensione intera)


Quanto costa la SIAE?

Thursday, April 8th, 2010

Inchiesta di Altroconsumo sul diritto d’autore, la creatività,
la Siae